Telefono e Fax
Tel: 0172425634 Fax: 0172439098

È inesistente l'atto notificato via PEC in formato ".pdf" senza firma digitale

Mercoledì 28/02/2018

a cura di ADUC - Associazione per i diritti degli utenti e consumatori


Secondo la Commissione Tributaria Regionale della Liguria (sentenza del 7 dicembre 2017, n. 1745) è giuridicamente inesistente l'intimazione di pagamento notificata tramite PEC, in formato PDF senza la firma digitale.

L'atto spedito a mezzo per in formato pdf, infatti, non è un atto originale ma solamente una copia informatica dell'originale o, al limite, della copia informatica di un documento analogico.
Un atto siffatto - afferma la Commissione - non è idoneo a garantire con certezza né l'autore né la sua integrità.
A tal fine è necessario che l'atto sia munito di firma digitale ai sensi dell'articolo 24 del Decreto Legislativo n. 82/2005.

Oltre a questo, è altresì necessario, ai fini della prova della notifica a mezzo pec, che le copie cartacee delle ricevute di accettazione e di avvenuta consegna siano munite di idonea attestazione di conformità, apposta da un pubblico ufficiale a ciò autorizzato.

In mancanza, le stesse potranno essere disconosciute dal contribuente, così rimanendo prive di valenza probatoria. Si evindenzia che il disconoscimento formale delle ricevute è un preciso onere processuale, in mancanza del quale le copie cartacee varranno al pari degli originali informatici (in tal senso si cita la Commissione Tributaria di Napoli, sentenza del 17 novembre 2016, n. 21038 secondo cui a fronte della contestazione del ricorrente relativa alla mancata ricezione della cartella, Equitalia ha prodotto in atti copia analogica delle ricevute di accettazione e consegna della notifica PEC prive di qualsiasi attestazione di conformità ai rispettivi documenti informatici dalle quali sono state estratte, le quali ricevute cartacee però, "non essendo state formalmente oggetto di disconoscimento da parte del ricorrente, ai sensi dell'art. 23, comma 2 CAD, hanno la stessa efficacia probatoria dell'originale da cui sono estratte").

La Commissione ha valutato che la carenza dei requisiti sopra detti, impedisce alla radice la formazione del complesso atto processuale, come disciplinato dalle specifiche tecniche previste dall'articolo 34, comma 1, del Decreto del Ministero della Giustizia n. 44/2011.

Sulla base di tali principi, la notifica a mezzo pec di un mero pdf senza firma digitale dovrà considerarsi inesistente, e non semplicemente nulla.
La differenza è importante in quanto la nullità potrebbe ritenersi sanata dalla tempestiva proposizione del ricorso, mentre l'inesistenza è insanabile.

Nello stesso senso, si segnalano le seguenti pronunce:
  • Commissione Tributaria Regionale per la Campania, sentenza del 9 novembre 2017, n. 9515: "la notifica a mezzo PEC non è valida se effettuata tramite messaggio di posta certificata contenente il file della cartella con estensione diversa da ".p7m", l'unica idonea a garantire non solo l'integrità e l'immodificabilìtà del documento informatico, ma anche la firma digitale e l'identificabilità del suo autore e pertanto la paternità dell'atto. Contrariamente con la notifica in formato ".pdf "o in formato ".doc", come nella specie, non viene prodotto l'originale del documento notificato, ma solo una copia elettronica senza valore perché priva di attestato di conformità da parte di un pubblico ufficiale. Va quindi ribadito che la certificazione della firma può essere attestata solo dall'estensione ".p7m" del file notificato, estensione che rappresenta la cosiddetta "busta crittografata" contenente al suo interno il documento originale, l'evidenza informatica del mezzo adoperato e la chiave per la verifica, il che non è dato riscontrare nel caso in oggetto";
  • Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia, sentenza del 31 luglio 2017, n. 204/1: "la notifica via PEC non è valida se avviene, come nella fattispecie, tramite messaggio di posta elettronica certificata contenente il file della cartella con estensione ".pdf' anziché ".p7m" atteso che non solo l'integrità e l'immodificabilità del documento informatico, ma anche, per quanto attiene alla firma digitale, l'identificabilità del suo autore e conseguentemente la paternità dell'atto, è garantita solo attraverso l'estensione del file ".p7m". Infatti, con la notifica via PEC in formato "pdf', non viene prodotto l'originale della cartella, ma solo un copia elettronica senza valore perché priva di attestato di conformità da parte di un Pubblico Ufficiale".


di Antonella Pedone

Fonte: https://www.aduc.it
Le ultime news
Ieri
L'INPS, con la Circolare n. 74 del 25 maggio 2018, ha illustrato la disciplina del Fondo di solidarietà...
 
Ieri
Con il provvedimento n. 232 del 18 aprile 2018, inserito nella newsletter del 29 maggio 2018, il Garante...
 
Ieri
Con la Risoluzione n. 45/E del 19 giugno 2018 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per...
 
Ieri
Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del 19 giugno 2018 è stata pubblicata la Direttiva (UE)...
 
Ieri
L'ANCI ha pubblicato il volume "Il personale degli Enti Locali - Le assunzioni", un quaderno...
 
Giovedì 21/06
Con il provvedimento del 18 giugno 2018 l'Agenzia delle Entrate ha individuato le anomalie nei dati degli...
 
Giovedì 21/06
Sono in arrivo dall'Agenzia delle entrate-Riscossione le comunicazioni, per coloro che hanno aderito...
 
Giovedì 21/06
Nell'area "Comunicazione" del portale INAIL sono state pubblicate utili schede informative, redatte dai...
 
Giovedì 21/06
La Corte di Cassazione Civile, con l'ordinanza n. 12052 del 17 maggio 2018, ha stabilito che il dottore...
 
Mercoledì 20/06
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 117 del 22 maggio 2018, il decreto 10 aprile 2018, con...
 
Mercoledì 20/06
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato la circolare n. 177355 del 23 maggio 2018 con cui...
 
Mercoledì 20/06
Dal 10 luglio 2018 sulle polizze auto di responsabilità civile dovranno essere applicati degli sconti...
 
Mercoledì 20/06
Sul sito del Dipartimento delle Finanze è stato pubblicato il rapporto annuale sul contenzioso tributario...
 
Mercoledì 20/06
Il Ministero del Lavoro informa che è stato registrato dalla Corte dei Conti il decreto di riparto del...
 
altre notizie »
 

Studio Bertola di Bertola Giovanni e Bertola Federico

Piazza C.Alberto, 27 - 12042 Bra (CN)

Tel: 0172425634 - Fax: 0172439098

Email: info@studiobertola.it

P.IVA: 03522130040

Pagina Facebook Pagina Google Plus Pagina Linkedin
Fotografia Gabriele Capra