Telefono e Fax
Tel: 0172425634 Fax: 0172439098

Crollo dei consumi ad ottobre, secondo Confcommercio -8,1% rispetto al 2019

Mercoledì 18/11/2020

a cura di Dott. Gianmaria Vianova


Dopo la battuta d'arresto della produzione industriale di settembre anche i consumi aumentano le preoccupazioni sull'effettiva entità della ripresa. A lanciare l'allarme è l'ultimo rapporto dell'Ufficio studi Confcommercio, nel quale viene reso noto che l'ICC (Indicatore Consumi Confcommercio) ha fatto segnare ad ottobre una variazione pari a -8,1% rispetto al 2019, con una discesa del 5,1% rispetto al mese di settembre. La caduta dei consumi si sarebbe concentrata interamente nel settore dei servizi, sceso di oltre un quarto (-27,7%) rispetto al 2019, rispetto ad una sostanziale parità per quanto riguarda i beni (+0,2%). Ad essere maggiormente colpiti sono stati gli alberghi e ristoranti, che vedono il loro indice quasi dimezzato (-42,4%) rispetto ad ottobre 2019, ma anche i servizi ricreativi che perdono quasi tre quarti dei consumi a loro imputati (-73,2%). Scende anche, come prevedibile, il settore mobilità, nel quale i carburanti fanno segnare un -11,4% e i trasporti aerei -75,0%.

Per quanto riguarda i servizi si tratta della caduta tendenziale più alta dall'inizio dell'estate, dato che l'indice a -27,7% supera di gran lunga la discesa di settembre (-20,7%) e quella di agosto (-19,8%): "Ad ottobre, in linea con l'emergere della seconda ondata, la fase di recupero della domanda, che aveva già mostrato segnali di minor vivacità a settembre, si è interrotta. Il peggioramento pur interessando in misura più significativa la componente relativa ai servizi, appare piuttosto diffuso", commenta Confcommercio.

Ancor più drammatica è la stima che Confcommercio dà sull'andamento mensile del Prodotto interno lordo, secondo cui nel mese di ottobre si sarebbe registrato un -5,0% rispetto al 2019 ma soprattutto un -12,1% tendenziale a novembre. Un valore a doppia cifra che si tramuta in un -7,7% congiunturale tra novembre e ottobre: "Considerando i provvedimenti susseguitisi nel mese di ottobre e le chiusure a macchia di leopardo iniziate ai primi di novembre, si stima per il mese in corso un calo congiunturale del Pil, al netto dei fattori stagionali, del 7,7%, dato che porterebbe ad una decrescita del 12,1% rispetto allo stesso mese del 2019". Sempre riguardo ai dati tendenziali il quadro non si presenta certo roseo: il terzo trimestre aveva fatto segnare -4,7%, il secondo -17,9% e il quarto trimestre sta collezionando variazioni fortemente negative. Stime che Confcommercio calcola considerando "6 indicatori mensili (indice di produzione industriale, indicatore dei consumi Confcommercio (ICC), numero di occupati, clima di fiducia del commercio al dettaglio, indice dei nuovi ordinativi e indice dei sinistri denunciati con convenzione garanzia ponte dei dirigenti) e 2 indicatori trimestrali mensilizzati (deflatore del PIL e indice del fatturato delle imprese dei servizi)".

A ribadire il quadro di assoluta emergenza ci ha pensato l'Istat con l'audizione del direttore Gian Paolo Oneto (Direttore centrale per gli studi e la valorizzazione tematica nell'area delle statistiche economiche) alla Camera dei deputati di mercoledì 18 novembre. Oneto sostiene che tra il primo e il secondo trimestre il numero di persone occupate nell'insieme dell'economia è sceso di 470mila unità ma che i lavoratori del commercio nel secondo trimestre 2020 risultano ben 191mila in meno rispetto al 2019. Gli occupati nel commercio, insomma, si avvicinano alla metà delle unità di lavoratori andati persi nel secondo trimestre sebbene costituiscano soltanto il 13,7% del totale degli occupati.
Le ultime news
Ieri
La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto un regime di non imponibilità per gli investimenti operati...
 
Ieri
L'Agenzia delle Entrate, nel Provvedimento del 15 gennaio 2021, definisce regole e modalità...
 
Ieri
Sul sito internet del Governo (Presidenza del Consiglio dei Ministri) è stata pubblicata una sezione...
 
Ieri
L’articolo 1, comma 336, della Legge di Bilancio 2021 ha esteso la possibilità di accedere...
 
Ieri
L'Associazione Sindacale Nazionale dei datori di lavoro domestico (Assindatcolf) ha pubblicato...
 
Giovedì 21/01
La Legge di Bilancio 2021 ha previsto, in via sperimentale, l’esonero contributivo totale per l’assunzione...
 
Giovedì 21/01
Sul sito internet del Consiglio Nazionale dei Commercialisti sono stati pubblicati i nuovi Principi di...
 
Giovedì 21/01
La Legge di Bilancio 2021 ha introdotto diverse misure in tema di Famiglia, previdenza e giovani. In...
 
Giovedì 21/01
La Legge di Bilancio 2021 (Legge n. 178 del 2020) interviene anche in materia di Iva. In particolare,...
 
Giovedì 21/01
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 14 del 19-01-2021 è stato pubblicato il Decreto del Ministero del Lavoro...
 
Mercoledì 20/01
Con la Risposta n. 44 del 18 gennaio 2021 l'Agenzia delle Entrate ha ribadito che, nel caso in cui il...
 
altre notizie »
 

Studio Bertola di Bertola Giovanni e Bertola Federico

Piazza C.Alberto, 27 - 12042 Bra (CN)

Tel: 0172425634 - Fax: 0172439098

Email: info@studiobertola.it

P.IVA: 03522130040

Pagina Facebook Pagina Linkedin
Fotografia Gabriele Capra