Telefono e Fax
Tel: 0172425634 Fax: 0172439098

Come ti controllo l'azienda - main course => 4 - Ciclo Magazzino

Martedì 27/02/2018

a cura di Studio Dott. Antonio Cavaliere
Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all'azienda soprattutto in tempo di automatizzazione e globalizzazione.



In un precedente intervento abbiamo identificato il concetto di Sistema di Controllo Interno aziendale. L'auditor, al fine di ottenere una comprensione dei sistemi contabili, di controllo e delle procedure interne, necessario per pianificare le attività di controllo (audit) e sviluppare un'efficace strategia di lavoro, deve dapprima identificare i cicli (processi) aziendali significativi, collegarli alle attività/operazioni sottostanti e quindi "mapparli" (evidenza). Questo fornirà una prima base di dati per pervenire ad un'iniziale valutazione dei rischi inerenti a ogni ciclo e quindi del rischio di controllo interno. La comprensione di questi concetti di rischio (inerente e di controllo), sarà parte integrante, insieme al rischio impresa e al rischio legato al lavoro del controllore "auditor", per determinare l'ampiezza qualitativa e quantitativa del lavoro da svolgere - revisione (audit).

Il ciclo magazzino

L'obiettivo principale del ciclo magazzino è la gestione ottimale del magazzino attraverso un valido trade-off tra le esigenze del ciclo acquisti, da una parte, e quelle della produzione e del ciclo vendite dall'altra parte.

Le attività elaborate attraverso tale ciclo sono:
  • ricevimento della merce;
  • disposizione delle merci in modo ordinato e controllo dei movimenti in entrata e in uscita;
  • spedizione della merce.


Il flusso documentale che provoca lo svolgersi di tale ciclo può essere così sintetizzato:
  • Bolla di entrata materia prima e merce;
  • Modulo di richiesta scarico in produzione;
  • Modulo di scarico magazzino materia prima;
  • Modulo di richiesta scarico merce;
  • Modulo di scarico magazzino merce;
  • Modulo di carico magazzino prodotti finiti;
  • Modulo di richiesta scarico prodotti finiti;
  • Modulo di scarico magazzino prodotti finiti;
  • Moduli inventario ciclico/permanente e/o inventario fine anno;
  • Bolle di uscita prodotti finiti e merce.


A livello di contabilità i reports producibili per il monitoraggio di tale ciclo e flusso documentale sono:
  • Libro inventario;
  • Report carico scarico (scritture di magazzino);
  • Report slow moving (lenta rotazione);
  • Report obsolete (obsoleto);
  • Report giacenze contabili;
  • Report giacenze fisiche (inventario).


I saldi di bilancio più importanti, influenzati dal ciclo magazzino per tipologia di operazione sono:

- ricevimento della merce:


1. debiti verso fornitori;
2. inventario fisico;
3. inventario contabile;
4. acquisti o costo del venduto;
5. resi su vendite;


- disposizione delle merci in modo ordinato e controllo dei movimenti in entrata e in uscita:


6. inventario fisico;
7. inventario contabile.


- spedizione della merce:


8. crediti v/clienti;
9. ricavi;
10. inventario fisico;
11. inventario contabile;
12. resi su acquisti.


I rischi inerenti a tale ciclo, possono derivare da:

a) condizioni macroeconomiche (crisi di settore, crisi di società, crisi politica);
b) complessità del flusso documentale e conseguentemente dei dati di bilancio (aziende che lavorano su commessa, operazioni intercompany, ecc.);
c) esperienza maturata sul cliente (ad esempio lo "score sheet" dell'anno prima).

Per tale ciclo, il Sistema di Controllo Interno all'azienda dovrebbe assicurare:
  1. che ci siano valide procedure per l'identificazione della merce, per il controllo qualitativo e quantitativo, e per i collaudi sia in uscita che in entrata;
  2. che ci sia una disposizione del magazzino fisico ordinato, in modo che sia facilmente identificabile nella sua composizione;
  3. che siano verificati i prelievi e le uscite e che siano autorizzati;
  4. che sia segnalata l'avvenuta uscita della merce agli uffici contabilità.


Esempi di validi controlli interni su tale ciclo possono essere:
  • Analisi giornaliera o settimanale di reports che evidenzino le giacenze con livelli superiori o inferiori ai livelli minimi previsti;
  • Analisi mensile di reports che consentano il confronto delle giacenze con quelli dell'esercizio precedente e quelle a budget;
  • Analisi mensile di reports che evidenzino il tasso di rigiro del magazzino per individuare ed isolare lo slow moving;
  • Analisi mensile di reports che evidenzino l'obsolete.


L' auditor accorto poi, oltre che ripercorrere tale controlli interni e far leva sulla propria personale esperienza, dovrebbe concentrare l'attenzione anche su quanto segue:

a) indici, parametri e reports utilizzati dalla direzione per monitorare gli indici di rotazione e di resi e come vengono utilizzati;
b) indici, parametri e reports che assicurino che le quantità contabili risultino effettivamente a magazzino; c) modalità di monitoraggio dello slow moving e dell' obsolete ;
d) modalità di monitoraggio dei livelli di scorta.
Le ultime news
Oggi 06:27
Ti invitiamo a seguire la diretta streaming della giornata di oggi, 15 dicembre, relativa alla quinta...
 
Ieri
L'Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti il servizio online "Contact Center"...
 
Ieri
L'Agenzia delle Entrate, tramite la rubrica della propria rivista telematica di FiscoOggi, risponde in...
 
Ieri
Dal 18 dicembre sarà attivo il portale "HUB B2B" per la fatturazione elettronica che il Consiglio Nazionale...
 
Ieri
Nella Newsletter n.447 del 7 dicembre 2018 il Garante per la protezione dei dati personali ha affermato...
 
Ieri
Con il Messaggio n. 4622 dell'11 dicembre 2018 l'Inps fornisce chiarimenti circa i criteri per il monitoraggio...
 
Giovedì 13/12
Successivamente al trasferimento della sede all'estero, la stabile organizzazione italiana della società...
 
Giovedì 13/12
Il Dipartimento dell'Informazione e l'editoria ha pubblicato, sul proprio sito istituzionale, l' elenco...
 
Giovedì 13/12
Con il Messaggio n. 4569 del 6 dicembre 2018 l'Inps ha informato che, da una verifica nella procedura...
 
Giovedì 13/12
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato i dati sulle Comunicazioni Obbligatorie...
 
Giovedì 13/12
Sul sito internet del Dipartimento delle Finanze è stato pubblicato il Decreto del Ministro dell'economia...
 
Giovedì 13/12
Con la sentenza n. 4754 del 6 novembre 2018 la Commissione Tributaria Regionale per la Lombardia ha statuito...
 
Mercoledì 12/12
L'applicazione di supplementi di prezzo per l'uso di uno specifico strumento di pagamento (carte di credito...
 
Mercoledì 12/12
Con decreto direttoriale del 23 novembre 2018, n. 89, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali,...
 
Mercoledì 12/12
Ancora in crescita il mercato immobiliare italiano nel terzo trimestre dell'anno. Le abitazioni acquistate...
 
Mercoledì 12/12
L'art 3 del Decreto Legge n. 119/2018 prevede la Definizione agevolata dei carichi affidati all'Agente...
 
altre notizie »
 

Studio Bertola di Bertola Giovanni e Bertola Federico

Piazza C.Alberto, 27 - 12042 Bra (CN)

Tel: 0172425634 - Fax: 0172439098

Email: info@studiobertola.it

P.IVA: 03522130040

Pagina Facebook Pagina Google Plus Pagina Linkedin
Fotografia Gabriele Capra