Telefono e Fax
Tel: 0172425634 Fax: 0172439098

Come ti controllo l'azienda - main course => 4 - Ciclo Magazzino

Martedì 27/02/2018

a cura di Studio Dott. Antonio Cavaliere
Le procedure di controllo possono essere uno strumento di potere notevole per il management interno all'azienda soprattutto in tempo di automatizzazione e globalizzazione.



In un precedente intervento abbiamo identificato il concetto di Sistema di Controllo Interno aziendale. L'auditor, al fine di ottenere una comprensione dei sistemi contabili, di controllo e delle procedure interne, necessario per pianificare le attività di controllo (audit) e sviluppare un'efficace strategia di lavoro, deve dapprima identificare i cicli (processi) aziendali significativi, collegarli alle attività/operazioni sottostanti e quindi "mapparli" (evidenza). Questo fornirà una prima base di dati per pervenire ad un'iniziale valutazione dei rischi inerenti a ogni ciclo e quindi del rischio di controllo interno. La comprensione di questi concetti di rischio (inerente e di controllo), sarà parte integrante, insieme al rischio impresa e al rischio legato al lavoro del controllore "auditor", per determinare l'ampiezza qualitativa e quantitativa del lavoro da svolgere - revisione (audit).

Il ciclo magazzino

L'obiettivo principale del ciclo magazzino è la gestione ottimale del magazzino attraverso un valido trade-off tra le esigenze del ciclo acquisti, da una parte, e quelle della produzione e del ciclo vendite dall'altra parte.

Le attività elaborate attraverso tale ciclo sono:
  • ricevimento della merce;
  • disposizione delle merci in modo ordinato e controllo dei movimenti in entrata e in uscita;
  • spedizione della merce.


Il flusso documentale che provoca lo svolgersi di tale ciclo può essere così sintetizzato:
  • Bolla di entrata materia prima e merce;
  • Modulo di richiesta scarico in produzione;
  • Modulo di scarico magazzino materia prima;
  • Modulo di richiesta scarico merce;
  • Modulo di scarico magazzino merce;
  • Modulo di carico magazzino prodotti finiti;
  • Modulo di richiesta scarico prodotti finiti;
  • Modulo di scarico magazzino prodotti finiti;
  • Moduli inventario ciclico/permanente e/o inventario fine anno;
  • Bolle di uscita prodotti finiti e merce.


A livello di contabilità i reports producibili per il monitoraggio di tale ciclo e flusso documentale sono:
  • Libro inventario;
  • Report carico scarico (scritture di magazzino);
  • Report slow moving (lenta rotazione);
  • Report obsolete (obsoleto);
  • Report giacenze contabili;
  • Report giacenze fisiche (inventario).


I saldi di bilancio più importanti, influenzati dal ciclo magazzino per tipologia di operazione sono:

- ricevimento della merce:


1. debiti verso fornitori;
2. inventario fisico;
3. inventario contabile;
4. acquisti o costo del venduto;
5. resi su vendite;


- disposizione delle merci in modo ordinato e controllo dei movimenti in entrata e in uscita:


6. inventario fisico;
7. inventario contabile.


- spedizione della merce:


8. crediti v/clienti;
9. ricavi;
10. inventario fisico;
11. inventario contabile;
12. resi su acquisti.


I rischi inerenti a tale ciclo, possono derivare da:

a) condizioni macroeconomiche (crisi di settore, crisi di società, crisi politica);
b) complessità del flusso documentale e conseguentemente dei dati di bilancio (aziende che lavorano su commessa, operazioni intercompany, ecc.);
c) esperienza maturata sul cliente (ad esempio lo "score sheet" dell'anno prima).

Per tale ciclo, il Sistema di Controllo Interno all'azienda dovrebbe assicurare:
  1. che ci siano valide procedure per l'identificazione della merce, per il controllo qualitativo e quantitativo, e per i collaudi sia in uscita che in entrata;
  2. che ci sia una disposizione del magazzino fisico ordinato, in modo che sia facilmente identificabile nella sua composizione;
  3. che siano verificati i prelievi e le uscite e che siano autorizzati;
  4. che sia segnalata l'avvenuta uscita della merce agli uffici contabilità.


Esempi di validi controlli interni su tale ciclo possono essere:
  • Analisi giornaliera o settimanale di reports che evidenzino le giacenze con livelli superiori o inferiori ai livelli minimi previsti;
  • Analisi mensile di reports che consentano il confronto delle giacenze con quelli dell'esercizio precedente e quelle a budget;
  • Analisi mensile di reports che evidenzino il tasso di rigiro del magazzino per individuare ed isolare lo slow moving;
  • Analisi mensile di reports che evidenzino l'obsolete.


L' auditor accorto poi, oltre che ripercorrere tale controlli interni e far leva sulla propria personale esperienza, dovrebbe concentrare l'attenzione anche su quanto segue:

a) indici, parametri e reports utilizzati dalla direzione per monitorare gli indici di rotazione e di resi e come vengono utilizzati;
b) indici, parametri e reports che assicurino che le quantità contabili risultino effettivamente a magazzino; c) modalità di monitoraggio dello slow moving e dell' obsolete ;
d) modalità di monitoraggio dei livelli di scorta.
Le ultime news
Oggi 05:53
Si conferma positivo l'andamento del mercato immobiliare in Italia: il II trimestre del 2018 si dimostra...
 
Oggi 05:53
In data 14 settembre l'Ufficio per lo sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato...
 
Oggi 05:53
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 206 del 5 settembre agosto 2018, il Decreto del Ministero...
 
Oggi 05:53
L'art. 46 del d.lgs. 81 del 9 aprile 2008 (testo unico per la sicurezza) ha previsto l'obbligo, per il...
 
Ieri
L'elevata esposizione del settore ai rischi di riciclaggio di denaro e reimpiego dei beni di provenienza...
 
Ieri
Il Tribunale di Brescia, Sezione specializzata in materia di impresa, con il decreto n. 7556 del 18...
 
Ieri
Sono 720 milioni i dati delle spese sanitarie sostenute dai cittadini italiani nel periodo d'imposta...
 
Ieri
L'Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), con la Nota operativa n. 11122 del 7 settembre...
 
Ieri
Si ricorda che, dal 14 settembre, è possibile presentare la richiesta di erogazione del Voucher digitalizzazione,...
 
Lunedì 17/09
L'Ispettorato Nazionale del Lavoro, con Nota prot. n. 7369 del 10 settembre 2018, ha fornito chiarimenti...
 
Lunedì 17/09
La nuova disciplina dell'impresa sociale, introdotta dal D.Lgs. n. 112 del 3 luglio 2017 e successivamente...
 
Lunedì 17/09
L'Agenzia delle Entrate, con una notizia pubblicata sul proprio portale, ricorda che il 30 settembre...
 
Lunedì 17/09
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 211 dell'11 settembre 2018 e1 stato pubblicato il Decreto 11 maggio 2018...
 
Venerdì 14/09
Dopo giorni di incertezza, in data 14 settembre l'Agenzia Entrate, con un comunicato stampa ha reso noto...
 
Venerdì 14/09
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 213 del 13 settembre è stato pubblicato il decreto del Ministero dell'Economia...
 
Venerdì 14/09
In caso di indagini bancarie, spetta al contribuente giustificare i movimenti in entrata e in uscita...
 
altre notizie »
 

Studio Bertola di Bertola Giovanni e Bertola Federico

Piazza C.Alberto, 27 - 12042 Bra (CN)

Tel: 0172425634 - Fax: 0172439098

Email: info@studiobertola.it

P.IVA: 03522130040

Pagina Facebook Pagina Google Plus Pagina Linkedin
Fotografia Gabriele Capra