Telefono e Fax
Tel: 0172425634 Fax: 0172439098

Privacy - Fisco: ok del Garante Privacy alla sperimentazione di nuovi sistemi antievasione

Mercoledì 15/05/2019, a cura di Studio Valter Franco


Ma devono essere assicurate adeguate garanzie a tutela dei contribuenti.

(newsletter del garante del 29.4.2019)

Sì del Garante per la privacy alla sperimentazione di processi automatizzati per la lotta all'evasione fiscale, ma nel rispetto di precise garanzie a salvaguardia dei diritti dei cittadini. L'Agenzia delle entrate potrà iniziare ad utilizzare in via sperimentale modelli predittivi del rischio evasione attraverso la selezione automatizzata di posizioni fiscali dei potenziali evasori, anche mediante lo scambio di informazioni con amministrazioni estere.

L'Autorità ha adottato due distinti pareri su due schemi di provvedimento [doc. web n.9106360 e n. 9106329] del Direttore dell'Agenzia delle entrate riguardanti rispettivamente contribuenti con incongruenze tra i redditi dichiarati e i loro rapporti bancari e finanziari, e cittadini che hanno intrattenuto rapporti con operatori finanziari all'estero non coerenti con le informazioni in possesso del fisco.

L'Autorità ha ritenuto idonee - anche sulla base della valutazione dei rischi effettuata dall'Agenzia dell'entrate - le garanzie individuate in termini organizzativi e di sicurezza informatica. Tali garanzie riguardano, in particolare: la qualità dei dati utilizzati per la selezione dei contribuenti; i tempi di conservazione dei dati; il diritto del contribuente a essere correttamente informato e di veder garantite adeguate modalità di coinvolgimento; la necessità di condurre controlli periodici sull'esattezza dei dati e di adottare misure volte a ridurre i rischi relativi a errate rappresentazioni della capacità contributiva, che potrebbero recare ingiustificati pregiudizi agli interessati.

All'Agenzia delle entrate - che avrà l'obbligo di inviare un avviso ai contribuenti sotto accertamento affinché provvedano a regolarizzare la propria posizione - l'Autorità ha chiesto anche ulteriori garanzie per la condivisione con la Guardia di Finanza delle informazioni relative ai rapporti finanziari.

Giova ricordare che la selezione automatizzata dei contribuenti trova la sua base giuridica in una serie di norme nazionali, così come richiesto dal Regolamento Ue, che consente tali trattamenti nel caso in cui siano ammessi dalla normativa dello Stato membro, sulla base di precise misure a tutela delle persone, e siano autorizzati dall'Autorità garante.

Proprio alla luce del Regolamento europeo - allo scopo di evitare possibili discriminazioni o pregiudizi - i processi automatizzati devono garantire massima sicurezza e trasparenza, anche riguardo alla logica alla base degli algoritmi utilizzati.

L'Autorità seguirà da vicino la fase iniziale di sperimentazione per assicurare che vengano rispettate le misure individuate e sottoporrà a ulteriore analisi eventuali modifiche del modello predittivo utilizzato dall'Agenzia.
Le ultime news
Oggi
Garantire scambi equi e trasparenti attraverso un ambiente web affidabile, un sistema di gestione dei...
 
Oggi
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha reso disponibili sul proprio portale una serie di risposte alle...
 
Oggi
Rispetto al primo trimestre del 2019 si registra un aumento dell'occupazione dello 0,6% rispetto al...
 
Oggi
L'articolo 7 decreto-legge 3 settembre 2019, n. 101 ha apportato modifiche all'articolo 4 sexies del...
 
Ieri
Il Cert-PA ha rilevato tentativi di frode informatica effettuati via PEC ai danni di professionisti e...
 
Ieri
Sono stati pubblicati, sulla Gazzetta Ufficiale n. 215 del 13 settembre 2019, tre decreti del Ministero...
 
Ieri
E' stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 197 del 23 agosto 2019, il decreto del Ministro dell'Interno...
 
altre notizie »
 

Studio Bertola di Bertola Giovanni e Bertola Federico

Piazza C.Alberto, 27 - 12042 Bra (CN)

Tel: 0172425634 - Fax: 0172439098

Email: info@studiobertola.it

P.IVA: 03522130040

Pagina Facebook Pagina Linkedin
Fotografia Gabriele Capra