Telefono e Fax
Tel: 0172425634 Fax: 0172439098

Privacy: abrogato il D.lgs. 196/2003, le nuove regole...e i dubbi

Venerdì 20/04/2018

a cura di Studio Valter Franco
Il Consiglio dei Ministri dello scorso 21 marzo 2018, così indica il comunicato stampa, ha approvato in sede preliminare un D.lgs. (di seguito RI - Regolamento Italiano) che introdurrebbe disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento Europeo (di seguito RE), che entreranno in vigore il prossimo 25 maggio 2018, data in cui il D.lgs. 196/2003 verrebbe abrogato.



Forse anche questa volta il nostro legislatore "arriverà un po' lungo" - non arriva mai lungo in altre occasioni, come ben sappiamo, infatti il RE è datato 2016 ed entrerà in vigore il 25 maggio 2018: i due anni di "distanza" costituivano il lasso di tempo necessario ad adeguare le normative nazionali al RE, infatti il Consiglio dei Ministri, pur avendo due anni a disposizione, è intervenuto - non si sa ancora in quale modo - dopo 23 mesi circa.

Tanto per fare un esempio la normativa nazione dovrà stabilire quale sia l'età dei minori cui si applica la tutela dei dati personali (l'articolo 8 del RE prevede infatti che gli stati membri possono stabilire un'età inferiore ai 16 anni ma comunque non inferiore ai 13, l'attuale D.lgs. 196/2003 prevede i 16 anni).

In vista dell'emanazione del RI se metto le mani al mio faldone privacy e riformulo in termini chiari e coincisi l'informativa e la richiesta di consenso per il trattamento di dati sensibili, ad esempio per il trattamento dei dati relativi al 730 o al modello Redditi PF cosa scrivo? faccio riferimento al D.lgs. 196/2003 che tra circa due mesi sarà abrogato? E poi mi ritroverò a rifarle perché fanno riferimento ad una norma abrogata? Oppure cito le disposizioni del RE?

Ma non è l'unico punto sul quale il RI dovrà chiarire alcuni aspetti della privacy: sinora un'interpretazione rigida del dato sensibile "stato di salute" era costituita in estrema sintesi, nella condizione "sto bene" oppure "sto male", secondo tale interpretazione rigida l'assenza per malattia di un dipendente - e l'indicazione dell'indennità sulla busta paga - comportava il trattamento di dato "sensibile" (il trattamento di dati sensibili avviene solo con il consenso - art. 9 RE - ed occorre dimostrare di aver acquisito il consenso -art. 7 RE); poi vi erano alcune pronunce del garante circa le diagnosi "in chiaro" che, a mio modesto avviso, avvaloravano quanto di seguito.

Il RE sembra andare al di là di tale interpretazione, in quanto il punto 35 dei "considerando" sembra individuare i dati sensibili relativi allo stato di salute nelle . "informazioni ..raccolte nel corso della sua registrazione...al fine di ricevere assistenza sanitaria...¸le informazioni risultanti da esami e controlli effettuati su una parte del corpo.....qualsiasi informazione riguardanti una malattia, una disabilità, il rischio di malattie, l'anamnesi medica, i trattamenti clinici....."

Il certificato di malattia che riceve l'azienda è quindi un documento contenente "dati sensibili"? sul certificato di malattia non si riscontra l'indicazione della malattia, né della patologia.

Sul cedolino paga non risulta né la malattia né la patologia: vi è solo l'indicazione dell'indennità di malattia, e allora il cedolino paga contiene dati sensibili sullo stato di salute? E ancora: sul cedolino paga non è indicata a quale associazione sindacale viene versata la quota indicata dal dipendente, e allora il cedolino paga contiene dati sensibili relativi all'adesione a sindacati? Leggo su un testo (aggiornato - non un fascicoletto, un libro che viene venduto per più che affidabile) che sono dati sensibili "..i dati contenuti all'interno delle buste paga inerenti la trattenuta sindacale..": il problema è che dalle buste paga fornitemi dal Consulente del Lavoro risulta unicamente la dicitura "trattenuta sindacale", poi agli atti dell'azienda o del Consulente del Lavoro (e dai versamenti effettuati) risulta l'individuazione dello specifico sindacato, e questo è dato "sensibile".

Considerato che non elaboro buste paga, se invece elaboro la contabilità della società XY e questa, per effettuare le registrazioni mi fornisce copia delle buste paga, non sto trattando alcun dato sensibile, nel senso che dalle buste paga non risulta né la patologia (per ciò che riguarda le condizioni di salute del dipendente) né l'associazione sindacale cui aderisce il dipendente.

Magari prima di pensare alle sanzioni, sproporzionate come al solito, una maggiore tempestività del Legislatore ed un po' di chiarimenti non sarebbero male.

Fonte: http://www.studiofranco.eu
Le ultime news
Ieri
Sulla G.U. n. 80 del 04 aprile 2019 è stato pubblicato il D.M. 15.03.2019 relativo al numero dei capi...
 
Ieri
La procedura, contenuta nella legge fallimentare, costituisce causa di fondato pericolo per la riscossione,...
 
Ieri
Il Consiglio Nazionale del Notariato, nello studio n. 58-2019/I (approvato in via telematica dalla Commissione...
 
Ieri
Sono state pubblicate, sul sito istituzionale del Ministero dello Sviluppo Economico, le seguenti nuove...
 
Ieri
Con un comunicato stampa del 9 aprile 2019, Unioncamere rende noto che sono pronti 15,5 milioni di euro...
 
Martedì 23/04
Facendo seguito alla circolare INPS 29 gennaio 2019, n. 11 l'Inps, con il messaggio n. 1551 del 16 aprile...
 
Martedì 23/04
Con il Messaggio n. 1552 del 16 aprile 2019 l'Inps ha istituito, con decorrenza dal periodo di paga maggio...
 
Martedì 23/04
Dallo scorso 10 aprile anche i contribuenti Iva possono delegare i loro intermediari di fiducia ad operare...
 
Martedì 23/04
La Corte di Cassazione Civile, con l'ordinanza n. 8555 del 27 marzo 2019 ha chiarito che la dichiarazione...
 
Martedì 23/04
Confermata, per l'anno 2019, la riduzione del contributo dello 0,025 per mille rispetto all'aliquota...
 
Venerdì 19/04
L'equity crowdfunding è un'innovativa forma di finanziamento per le piccole e medie imprese, generalmente...
 
Venerdì 19/04
Con la Risoluzione n. 43/E del 12 aprile scorso l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo...
 
Venerdì 19/04
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in data 16 aprile 2019, ha fornito risposta all'interpello...
 
altre notizie »
 

Studio Bertola di Bertola Giovanni e Bertola Federico

Piazza C.Alberto, 27 - 12042 Bra (CN)

Tel: 0172425634 - Fax: 0172439098

Email: info@studiobertola.it

P.IVA: 03522130040

Pagina Facebook Pagina Linkedin
Fotografia Gabriele Capra