Telefono e Fax
Tel: 0172425634 Fax: 0172439098

La compensazione del credito IVA dal 1 gennaio 2019

Lunedì 14/01/2019

a cura di AteneoWeb S.r.l.


Il credito IVA maturato al 31 dicembre 2018 può essere utilizzato in compensazione con altre imposte e contributi (compensazione "orizzontale" o "esterna"), già a decorrere dalla scadenza del 16 gennaio 2019 (codice tributo 6099 - anno di riferimento 2018), ma solo fino al limite massimo di 5.000 euro.

L'eventuale credito eccedente i 5.000 euro potrà invece essere utilizzato a partire dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale IVA ma soltanto se la dichiarazione IVA annuale riporterà il visto di conformità rilasciato da un professionista abilitato. In alternativa all'apposizione del visto di conformità è possibile far sottoscrivere la dichiarazione dall'organo incaricato ad effettuare il controllo contabile, il limite è elevato a 50.000 euro per le start-up innovative.

Quest'anno la dichiarazione IVA può essere presentata dal 1° febbraio 2019 fino al 30 aprile 2019.

Ai sensi delle novità introdotte dal Decreto Legge 50/2017, in tutti i casi di utilizzo a compensazione del credito IVA, il pagamento di ogni singolo modello F24 dovrà avvenire esclusivamente con modalità telematiche (Fisconline/Entratel) e non è consentito l'utilizzo dell'home banking.

La trasmissione telematica delle deleghe di pagamento recanti compensazioni di crediti IVA che superano l'importo annuo di 5.000 euro può essere effettuata non prima che siano trascorsi dieci giorni dalla presentazione della dichiarazione o dell'istanza da cui il credito emerge, indipendentemente dalla data di addebito indicata.

Per chi avesse maturato nel 2017 un credito IVA compensabile, non interamente utilizzato in compensazione nel corso del 2018, potrà proseguirne l'utilizzo (codice tributo 6099 - anno 2017) fino a quando non sarà presentata la dichiarazione annuale IVA per il 2018, all'interno della quale il credito dell'anno precedente sarà, per così dire, "rigenerato" andandosi a sommare al credito IVA maturato nel 2018.

Ricordiamo, sempre in tema di compensazioni, che dal 2011 sono operative le disposizioni contenute nell'art. 31 del D.L. n. 78/2010, che ha previsto:
  • da un lato il divieto di utilizzare in compensazione i crediti erariali in presenza di debiti superiori a 1.500 euro per i quali sia scaduto il termine di pagamento (pena l'applicazione di una sanzione del 50% dell'importo indebitamente compensato),
  • e, dall'altro, la possibilità di pagare, anche in parte, i ruoli erariali tramite compensazione.


Si precisa anche che la disciplina sulla compensazione dei crediti IVA sopra illustrata riguarda soltanto la compensazione "orizzontale" o "esterna" dei crediti IVA, e non anche la compensazione cosiddetta "verticale" o "interna", ossia la compensazione dei predetti crediti con l'IVA dovuta a titolo di acconto, di saldo o di versamento periodico.

Il decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017, convertito in legge n. 225/2016 ha innalzato da 15.000 a 30.000 euro l'ammontare di eccedenza IVA a credito che può essere richiesta a rimborso senza la necessità di prestare la garanzia o l'asseverazione. L'innalzamento del limite non però riguardato l'ipotesi della compensazione ma solo quella del rimborso.
Le ultime news
Oggi
Con il Comunicato Stampa n° 138 del 19 luglio il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha comunicato...
 
Oggi
Con la Risoluzione n. 68/E del 19 luglio l'Agenzia delle Entrate ha disposto la soppressione dei codici...
 
Oggi
Con il messaggio n. 2767 del 18 luglio 2019 l'Inps, a seguito delle richieste pervenute all'INPS in merito...
 
Oggi
Con il Messaggio n. 2732 del 17 luglio 2019 l'Inps fornisce istruzioni per la fruizione dello sgravio...
 
Ieri
La Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, con la circolare n. 12 del 1° luglio 2019, esamina la...
 
Ieri
Dal 1° luglio 2019 gli esercenti di attività commerciali operanti nel settore della vendita al dettaglio...
 
Ieri
Sul sito dell'Agenzia delle Entrate sono state pubblicate le statistiche catastali 2018, che mostrano...
 
Ieri
A margine della Videoconferenza "I Nuovi Isa", organizzata dal Consiglio nazionale dei Commercialisti...
 
Venerdì 19/07
Sul sito del CNCDCEC la notizia che il Consiglio Nazionale ha differito al 1° gennaio 2020 la data in...
 
altre notizie »
 

Studio Bertola di Bertola Giovanni e Bertola Federico

Piazza C.Alberto, 27 - 12042 Bra (CN)

Tel: 0172425634 - Fax: 0172439098

Email: info@studiobertola.it

P.IVA: 03522130040

Pagina Facebook Pagina Linkedin
Fotografia Gabriele Capra